ESCAPE='HTML'

Testo

Italia

3 marzo 2012

Gustavo Piga atto secondo

http://www.controcampus.it/wp-content/uploads/2012/03/appello_del_professor_gustavo_piga_al_rinascimento_italiano_grazie_ai_giovani-300x184.jpgProsegue l’appello al Governo lanciato dal professor Gustavo Piga il 7 febbraio scorso per promuovere un nuovo Rinascimento Italiano guidato dai giovani.

Gustavo Piga è professore di economia politica all’università di Tor Vergata e autore di numerose pubblicazioni in ambito economico nazionale e mondiale. Già a fine dicembre 2011 aveva rivolto un appello al presidente del Consiglio Monti al fine di introdurre più crescita nella manovra economica, giudicata «poco e qua e recessiva», con il sostegno di molti docenti universitari e diversi economisti.

Recentemente tramite il suo blog www.gustavopiga.it, ha lanciato un nuovo appello, questa volta rivolto in particolare agli studenti e ai giovani in generale. Il professor Piga in una lettera sul suo blog invita i giovani e chiunque voglia partecipèare, a sostenere tramite firma, un invito rivolto al Governo per destinare l’1% del Pil per i prossimi tre anni ad un progetto denominato Piano per il Rinascimento delle Infrastrutture Italiane.

Lo scopo è quello di contribuire ad aumentare l’occupazione giovanile, drammaticamente in calo nel nostro Paese, attraverso il progetto di occupazione dei giovani nel settore della conservazione del patrimonio artistico, culturale ed ambientale. Come scrive Piga nella lettera al Governo, si intende favorire anche l’ingresso dei giovani nell’ambito lavorativo delle Pubbliche Amministrazioni.

Questo progetto non solo contribuirebbe a far aumentare il Prodotto Interno Lordo nazionale e far ripartire l’economia, ma costituirebbe anche un’occasione per dare spazio allo sviluppo di idee imprenditoriali innovative, e per dare maggiore risalto alla creatività e al futuro. Molti disoccupati oppure neolaureati che non riescono a trovare un impiego troverebbero altresì l’occasione per poter finalmente entrare a far parte del mondo del lavoro oggi precluso a moltissimi ragazzi.

Gustavo Piga ha trovato grande sostegno sulla Rete. Lo scopo iniziale era arrivare a raggiungere almeno 1000 firme per poter presentare la proposta di incentivo. E dal 7 febbraio in ben due giorni già 300 firme erano state raccolte. Oggi prosegue la sua campagna sostenuto da moltissimi giovani.

L’invito a partecipare alle firme si estende anche alle altre università italiane, affinché il numero più alto possibile di studenti possa conoscere e sostenere il Progetto Rinascimento, sottolineandone l’importanza per uno sviluppo del Paese che punti su nuove idee di crescita e di occupazione, modificanbdo il sistema attuale di flessibilità e precarietà che caratterizza oggi il mondo del lavoro.

 

 

Silvia Pasquinelli  

© Riproduzione Riservata

http://www.controcampus.it/2012/03/gustavo-piga-atto-secondo/