Risparmio

4 febbraio 2013

Quale Conto Corrente Scegliere, Come Aprire un Conto – Conto Giovani e Studenti

  •  


     

     

Conto Corrente Studenti e Giovani

Conto Corrente Studenti e Giovani

Oggi sono sempre di più gli istituti di credito che offrono ai giovani al di sotto dei 30 anni e, soprattutto, agli studenti, la possibilità di aprire un conto corrente gratuitamente o a spese minime. Ma attenzione alle condizioni, l’offerta dei conti è ormai ampia, per cui quale conto corrente scegliere ?

 

La maggior parte delle banche in Italia offre la possibilità a giovani senza un lavoro fisso o con un reddito minimo, di aprire dei conti correnti agevolati, garantendo la gratuità di molti servizi.

Prima di aiutarvi a decidere quale conto corrente scegliere, vi mostraimo le tipiche spese e i servizi di tenuta di un conto corrente:

- canone mensile o annuale,
- l’imposta di bollo,
- i costi di transazione,
- spese per l’invio d’informazioni da parte della banca,
- spese per la registrazione di operazioni sul conto,
- fidi o aperture di credito,
- servizi aggiuntivi come polizze assicurative per il conto corrente.

  1. Il canone periodico, mensile o annuale a seconda dell’istituto di credito, sia per il conto corrente che per carte di credito e bancomat, generalmente gratuito per i giovani sotto i 26 anni. Molte banche offrono conti a zero canone anche per adulti sopra i 26 anni e anche per bancomat e carte di credito.

  2. L’imposta di bollo: i giovani possono essere esentati dal pagamento dei 34,20 euro e trovare istituti bancari che offrono gratis anche questa voce.

  3. I costi di transazione: si tratta della spesa più evidente per un correntista. Sono infatti le commissioni e costituiscono i costi variabili di un correntista, che dipendono dal numero di operazioni che effettuate in banca o con carte di credito e bancomat. Sono costi di transazione i prezzi per effettuare prelievi, pagamenti, bonifici.I prezzi per prelievi e pagamenti variano in base all’utilizzo della carta di credito o del bancomat, se avvengono in Italia o all’estero. Possono essere gratuiti o costare anche 3,00 euro per ogni operazione. Il costo varia da una banca all’altra anche in relazione alla modalità della transazione, se tramite carta, in filiale o online. Molte operazioni si effettuano in sicurezza via internet con costi minori.

  4. I bonifici: trasferimento di denaro da una persona all’altra sia da un conto corrente all’altro, sia tramite contante recandosi in banca.  Spesso online sono gratuiti ma attenzione alle condizioni, perché se alcune operazioni sono gratis, spesso altri costi vanno a compensare quel vantaggio.

  5. Il giroconto: funziona come il bonifico ma il trasferimento di fondi è solo fra conti correnti, senza poter usare il contante.

  6. I fidi o finanziamenti agevolati: per i giovani, offerti soprattutto per chi ha uno stipendio fisso o un garante, come uno o entrambi i genitori.

Profilo Giovani

Profilo Giovani

Ci sono inoltre altri servizi aggiuntivi offerti ai correntisti, ad esempio la possibilità di stipulare polizze assicurative per infortuni, vita o morte, sconti o buoni per acquisti a prezzi ridotti presso aziende che hanno accordi con la propria banca.

Grazie all’Indicatore Sintetico di Costo, è stato individuato il costo medio di un conto corrente per diverse categorie sociali. Ai giovani corrisponde il seguente profilo:

Profilo Giovani: 164 operazioni annue, utilizzo della carta prepagata, utilizzo dei servizi di banca on-line, limitato uso degli assegni e del servizio di domiciliazione delle utenze.

Veniamo ora alla tipologia di Conti correnti per Studenti e cerchiamo di capire se conviene aprirlo in banca o presso un ufficio postale.

Quale conto corrente scegliere ? Ecco il confronto tra le offerte low cost:

Partiamo da Poste Italiane, le quali ormai offrono gli stessi servizi di ogni altro istituto di credito e offrono costi minori, ancor più agevolati per i giovani.
Alle Poste il conto più conveniente è il BancoPosta Click, un conto online che offre i principali servizi sopraelencati gratuitamente. Le Principali condizioni economiche:

•    Domiciliazione utenze    gratis
•    Estratto conto mensile online    gratis
•    Versamenti e prelievi in 14.000 uffici postali    gratis
•    Prelievi presso gli oltre 5.600 ATM postamat    gratis
•    Postagiro online (giroconto)    gratis***
•    Bonifici online nazionali e verso UE    gratis***
•    Ricariche Postepay online    1,00 euro
•    Ricariche telefoniche    gratis
•    Pagamento bollettini postali online    1,00 euro
•    Spese di apertura e chiusura    gratis

Con il conto alla posta si può avere la Postepay, una delle migliori soluzioni per tenere sotto controllo il proprio denaro senza rischiare di spenderne troppo in una volta sola, dal momento che va ricaricata. È una carta ricaricabile elettronica virtuale prepagata. Si appoggia su un conto e può essere ricaricata online, presso uffici postali, agli sportelli Postamat (corrispettivo del bancomat) o dai tabaccai. È utile per ogni tipo di spesa online e non. Ne esistono vari tipi personalizzabili a seconda delle esigenze: My Postepay, personalizzabile con fotografie;Postepay Deals, offre proposte per viaggi, moda, divertimento ed è dedicata ai viaggiatori; Postepay Fun, offre sconti per cinema, dvd e molti settori dell’intrattenimento. Si possono richiedere tutte tramite iscrizione online dal sito delle Poste, fatta richiesta arriverà a casa del richiedente.

Pay Pal

Pay Pal

Le carte prepagate ricaricabili, come Postepay, costituiscono la soluzione migliore per studenti, perché la maggior parte delle spese principali, come quelle per canone, prelievi agli sportelli, versamenti, pagamenti sono gratuiti sotto i 26 anni.
Questo tipo di carte, offerte anche dalle banche,sono anche più sicure in caso di smarrimento o furto, poiché, a differenza della classica carta di credito o bancomat, il prelievo di denaro si ferma al momento dell’esaurimento della somma caricata e non c’è rischio di finire in rosso prelevando più di quanto versato.
Esistono carte prepagate dedicate agli acuisti online che non si appoggiano fisicamente su un conto corrente ma vanno ricaricate, come la carta Paypal, creata appositamente per ogni tipo di pagamento online. Chi non ha grandi spese o non può permettersele, è sufficiente. Si può richiedere online sul sito della Paypal.

Oggi anche le maggiori banche offrono carte prepagate che funzionano esattamente come carte di credito ma non necessitano un conto corrente. Tra queste vi sono:

  • Unicreditcard click: ricaricabile 24 ore su 24; Controllo saldo e movimenti gratuito; Nessuna commissione sull’acquisto del carburante; non serve essere titolare di un conto corrent

  • Genius Card della Unicredit: Per gli under 27 il canone mensile è ZERO; Canone mensile di 1 euro, anziché 3 euro, per chi accredita almeno 500 euro al mese; Prelevi ovunque e gratuitamente dai circa 7.800 ATM UniCredit in Italia;Accrediti lo stipendio; Paghi in € senza commissioni nei negozi e su Internet;

  • Carta SuperFlash di Intesa San Paolo: dedicata appositamente ai giovani:tra i 18 e i 26 anni non compiuti il canone annuo della carta è gratuito;Prelievo contanti Sportelli automatici Intesa Sanpaolo e in filiale gratuito; bonifici da 0,50 dagli sportelli automatici a 3,50 euro in filiali;

  • Carta conto on card my 14 – 30: Costo di rilascio 5 euro; Canone gratis; Prelievo contante gratis da ATM Banca Marche e presso le filiali Banca Marche;da ATM altre banche o dall’estero a 2 euro; Prelievo mensile max 2000 euro per maggiorenni, max 500 euro per 14-18;Bonifico gratuito su stessa Filiale Banca Marche, 1 euro su altre filiali;

  • Carige Stile Facoltà: Banca Carige, non solo offre diversi tipi di carte per i giovani senza dover aprire un conto corrente, ma ha creato un conto dedicato appositamente agli universitari. Gli  studenti degli Atenei di Genova, Torino, Milano, Firenze, Padova, Pisa, Palermo, Perugia, Novara, Vercelli, Alessandria, Aosta, Verona (compresa la succursale di Vicenza), Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma, possono aprire il conto Carice Stile Facoltà, con canone gratis per 3 anni

  • Conto corrente Conto Arancio: Tutte le spese principali, dall’apetura del conto al canone annuo, all’accreditamento dello stipendio, al canone annuo per le carte è gratuito.

 Vediamo infine come aprire un conto corrente.

Aprire un Conto Corrente

Aprire un Conto Corrente

Aprire un conto è semplice: lo si può fare online o recandosi direttamente in una filiale bancaria chiedendo di voler aprire un conto. All’apertura è richiesto un versamento minimo che può variare dai 5 euro a 30 euro, a seconda dell’istituto cui ci si rivolge. Lo stesso vale per il conto alle Poste ed è anche lo stesso funzionamento per richiedere una carta di credito, bancomat o carta prepagata. In questo caso si può decidere di farsi inviare a casa la carta facendo iscrizione e richiesta online, oppure si può avere in filiale. Vediamo come aprire un conto corrente in 5 mosse :

  1. La prima cosa da fare è dunque scegliere a seconda delle proprie esigenze un conto;

  2. Collegarsi poi al sito web (sezione dedicata ai conto correnti) dell’istituto che si ritiene migliore;

  3. Compilare on line il modulo contratto o in alternativa richiederlo all’istituto presso la filiale o farselo inviare a casa;

  4. Stampato o ricevuto il contratto, questo deve essere firmato e restituito alla banca, allegando i documenti richiesti (copia del documento d’identità e del codice fiscale).

  5. E’ necessario infine effettuare la procedura di riconoscimento: prevista dalla normativa anti-riciclaggio. La procedura si effettuta attraverso  un bonifico anche di importo ridotto sul nuovo conto per ottenere il riconoscimento, se si è gia correntisti presso quel determinato istituto di credito, diversamente è indispensabile recarsi presso la filiale della banca per procedere al riconoscimento di persona (nel caso di banche che non hanno una sede, queste manderanno presso il domicilio di chi apre il conto un loro addetto predisposto al contollo)

Da quel momento siete titolari di un conto. Ci preme farvi 2 ultime raccomandazioni:

- Occhio a leggere tutta la documentazione fornita dalle banche stesse, le quali in base alle direttive imposte dall’Autorità di Vigilanza, sono obbligate a fornire ai clienti.

- Non esagerate con le strisciate del vostra carta, imparate sopratutto a risparmiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Silvia Pasquinelli



 

http://www.controcampus.it/2013/02/quale-conto-corrente-scegliere-come-aprire-un-conto-conto-giovani-e-studenti/Testo