ESCAPE='HTML'

Testo

Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali

Università "Magna Graecia"

Justice&Legality – Nessuna Coscienza senza Conoscenza

 

Comunicato stampa con preghiera di pubblicazione

 

Giancarlo Cerrelli all’UMG

Ospite del “Justice&Legality” il giurista censurato dalla RAI

 

Ospite di spicco dell’incontro/dibattito “Riflessioni intorno alla proposta italiana di legge anti-omofobia”, nono appuntamento del ciclo di seminari “Justice&Legality UMG”, in programma Venerdì 23 Maggio, alle ore 15.00, presso l’aula Giovanni Paolo II dell’Edificio di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali di Catanzaro, sarà l’avvocato Giancarlo Cerrelli, vicepresidente nazionale dell’ “Unione Giuristi Cattolici Italiani”, opinionista TV, noto alle cronache nazionali ed internazionali per le sue prese di posizione sull’omosessualità.

 

 

Giancarlo Cerrelli è nato a Crotone il 29 maggio 1963. Avvocato Cassazionista e canonista. Nel 1996  ha conseguito la Licenza in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Santa Croce in Roma; ha ricoperto la carica di Vice Pretore onorario di Crotone dal 1994 al 1997. Da un decennio è componente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del Foro di Crotone. Fa parte del Consiglio scientifico della rivista Iustitia, edita dalla Giuffrè. Ricopre  dal 23 settembre 2011 la carica di Vice Presidente Nazionale dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani, è altresì, sempre nell’ambito dell’UGCI, Presidente dell’Unione di Crotone e Delegato Regionale per la Calabria. E’ tra i soci fondatori del Comitato “Sì alla Famiglia!” (www.siallafamiglia.it) di cui è Segretario nazionale ed è Presidente dell’Associazione “Scienza &Vita” di Crotone. E’ autore di vari articoli pubblicati dalle riviste Iustitia (Giuffrè), Cristianità e Tempi, Sì alla Vita.

 

Sempre Cerrelli è stato intervistato da diversi media nazionali e regionali tra cui il Corriere della Sera, Avvenire, Radio Vaticana, Radio Maria e Tempi. Ha partecipato il 20 agosto 2013 al talk show della RAI, “Unomattina Estate”, sul tema dell’omofobia; la sua contrarietà alla proposta di legge anti-omofobia ha provocato la reazione di parlamentari di Movimento 5 Stelle e Sel (Sinistra, Ecologia e Libertà) che ne hanno richiesto la censura alla Commissione di Vigilanza Rai.

 

E’ stato successivamente invitato a partecipare alla puntata della RAI  “Domenica IN” del 3 novembre 2013  dove si sarebbe dovuto discutere di omofobia - a proposito del suicidio di un 21enne gay a Roma- ma l’invito 48 ore prima è stato inaspettatamente ritirato. Tale avvenimento ha suscitato numerose polemiche sui media nazionali (Corriere della Sera, la Repubblica, Libero, Avvenire, Famiglia Cristiana e altri); a tal proposito è stata promossa  una petizione nazionale a suo sostegno che ha raccolto quasi 5000 firme (http://www.citizengo.org/it/676-contro-censura-di-giancarlo-cerrelli-su-rai1) . E sempre su questo caso, l’onorevole dell’allora PDL, Alessandro Pagano, decise due giorni dopo di presentare un’interrogazione parlamentare per fare luce su fatti «discriminanti nei confronti di coloro che hanno un pensiero diverso dagli attivisti omosessuali».

 

Cerrelli, relatore in varie conferenze in giro per l’Italia, su temi afferenti al diritto di famiglia, all’ideologia del gender, alla legge anti-omofobia, alla vita e ad altri temi utili alla nuova evangelizzazione, è stato nel 2005, Presidente-Coordinatore per la Provincia di Crotone del Comitato “Scienza & Vita” per il referendum sull’abrogazione di alcune parti della legge 40/2004, afferente alla procreazione medicalmente assistita. In adesione alla posizione della Conferenza Episcopale Italiana, che strategicamente aveva proposto al popolo italiano, in quell’occasione l’astensione, Cerrelli ha conseguito il brillante risultato di far giungere la provincia di Crotone al 1° posto in Italia come numero di astensioni.

 

E’ stato, inoltre, promotore e organizzatore, a Crotone, di due “Family day”, entrambi con la presenza dell’Arcivescovo, S.E. Mons. Domenico Graziani, il 15 marzo 2007 e l’11 maggio 2007; quelle di Crotone sono state le prime manifestazioni di piazza, in Italia, prima del “Family day” nazionale di Roma del 12 maggio 2007 e avevano lo scopo di sensibilizzare i cittadini contro la proposta di legge sui Dico, avanzata dall’allora governo Prodi. Entrambe le manifestazioni hanno riscontrato una grande attenzione anche da parte dei media nazionali e quella del 15 marzo ha visto la partecipazione in piazza della Resistenza di circa 3000 persone provenienti da tutta la Calabria.

 

A Crotone , il 12 dicembre 2013, è stato promotore e coordinatore del Comitato “Si alla famiglia” che ha raccolto l’adesione di 22 associazioni, per  una manifestazione in piazza in difesa della famiglia naturale e contro il progetto di legge anti-omofobia in discussione al Senato della Repubblica e anche, contro il registro delle unioni civili che il Comune di Crotone intende approvare. Alla manifestazione hanno partecipato oltre mille persone.

 

A dibattere con Giancarlo Cerrelli sul tema dell’omofobia, sarà Domenico Bilotti, vicino alle comunità LGBT, Assegnista di Ricerca e collaboratore della Cattedra di Diritto Ecclesiastico presso l’Università “Magna Graecia” di Catanzaro. Già socio di “Antigone Onlus” e dell’Associazione radicale “Certi Diritti” nonché autore per l’Osservatorio sulla legalità.

 

Si prospetta un dibattito interessante e coinvolgente, considerando le posizioni divergenti dei due relatori principali.

 

 

 

 

Catanzaro, 19 Maggio 2014